Latest News

Intervista a Daniele Urciuolo – produttore cinematografico e presidente del Catania Film Fest

Il Festival è una straordinaria occasione di rinascita per tutti, per il cinema, per tutti i lavoratori dello spettacolo e per il pubblico che ne è il fruitore finale.

Il Catania Film Fest tornerà a dare lustro alla città che lo ospita con la sua decima edizione, dal 28 novembre al 4 dicembre 2021, e riprenderà la sua iniziativa culturale in presenza nella città di Catania.

Il festival è diretto da Cateno Piazza, Laura Luchetti e Emanuele Rauco e prodotto dall’Associazione Culturale “Alfiere Productions” di Daniele Urciuolo, in co-organizzazione con il Comune di Catania, l’Università degli Studi di Catania, con il sostegno della Regione Siciliana, Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Sicilia Film Commission, nell’ambito del Programma “Sensi Contemporanei”; con il patrocinio dell’Accademia di Belle Arti, del Coordinamento Festival del Cinema in Sicilia e con la collaborazione di Trame di Quartiere, IterCulture, Zo Centro Culture Contemporanee, Etna Digital Academy, CinemLive, YouMovie, Artplace e MYmovies, Film4life.

Il Catania Film Fest si propone come luogo di incontro e confronto per il cinema europeo indipendente ed anche per la nuova cinematografia delle Nazioni che si affacciano sul “Mare Nostrum” in lingua originale, presentando al pubblico opere prime e seconde, film italiani indipendenti e cortometraggi realizzati da registi esordienti.

Il festival dedicherà un’attenzione particolare alla promozione del Cineturismo e alla formazione di professionisti dell’audiovisivo e studenti di ogni grado inclusi quelli delle Scuole di Cinema, Musica, Accademie e Università.

La Cerimonia di Apertura del Catania Film Fest si terrà il 28 novembre presso il Castello Ursino, per poi chiudersi il 4 dicembre al Monastero dei Benedettini. Nel corso della settimana, avranno luogo le proiezioni e gli incontri presso la Mediateca “Vincenzo Bellini”, gli eventi speciali presso le sedi dell’Accademia di Belle Arti, Trame di Quartiere – Palazzo de Gaetani e lo Zo Centro Culture Contemporanee.

 

Dal 28 novembre al 4 dicembre torna il Catania Film Fest. Com’è tornare dopo 2 anni di stop? Daniele Urciuolo

Bellissimo. Una sensazione indescrivibile. Abbiamo sofferto molto in questi mesi perché la forza di un festival sono le persone, il calore umano e quello di Catania è come un raggio di sole che ti acceca gli occhi, fortissimo. Un festival senza pubblico è come un cielo senza stelle.

Dieci anni del Catania Film Fest. Un traguardo importante.

Si. Un traguardo molto importante. Non è facile resistere in Italia a questi livelli. Noi – soprattutto grazie alla determinazione di Cateno Piazza, il fondatore del Festival – abbiamo cercato ogni anno di alzare l’asticella di un centimetro mantenendo però sempre fede alla nostra identità e sostenendo il cinema indipendente europeo. Dobbiamo ringraziare anche il Comune di Catania e tutti i nostri partner per il supporto.

Ci aspettano delle novità in questa edizione?

Assolutamente si. Innanzitutto le location. Sarà un festival itinerante per tutta la città di Catania. Tra le location ricordiamo il Castello Ursino, l’Auditorium del Monastero dei Benedettini, la Mediateca “Vincenzo Bellini”, il Palazzo De Gaetani, l’Accademia di Belle Arti, il Cinema King, il Centro interculture contemporaneo Zo.

E i film?

Tanti. Anche in lingua originale. Quasi sessanta opere suddivise in cinque categorie in Concorso, più le opere fuori Concorso, tra lungometraggi italiani e stranieri, cortometraggi e documentari con una particolare attenzione per le opere prime. Sarà una settimana ricca di proiezioni e incontri. Per questo devo ringraziare i co-direttori artistici Emanuele Rauco, Laura Luchetti, Cateno Piazza che hanno visionato centinaia e centinaia di opere provenienti da tutto il mondo e i numerosi volontari e collaboratori che stanno lavorando per la buona riuscita dell’evento.

E gli ospiti?

Primo su tutti il produttore Marco Belardi, che al Castello Ursino domenica pomeriggio terrà una Lectio Magistralis e riceverà un premio speciale, poi il regista Giorgio Verdelli con il suo documentario su Ezio Bosso, poi da Parigi arriveranno i fratelli Nasser con il loro film “Gaza Mon Amour” che ha sorpreso alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2020, poi ancora la regista Francesca Mazzoleni, l’attore Miguel Gobbo Diaz, le attrici siciliane Lucia Sardo e Ester Pantano, e ancora i registi Giuseppe Alessio Nuzzo, Mario Vitale, Davide Vigore, Andrea Muzzi e tanti altri.

So che il Festival non è solo cinema, ma anche turismo. Possiamo definirla una esperienza a 360 gradi?

Si. Quest’anno abbiamo un collaboratore d’eccezione che è il prof. Enrico Nicosia, esperto di cineturismo. Poi grazie alla partnership con Trame di Quartiere promuoveremo una zona storica di Catania che pian piano si sta rivalorizzando come San Berillo, organizzando delle passeggiate guidate. Con l’app Artpalce invece – altro nostro partner che digitalizza l’arte e la cultura – sarà possibile visitare e conoscere tanti luoghi e monumenti della città di Catania. Con le piattaforme YoumovieMymovies e CinemaLive saremo anche online con eventi, opere e contenuti esclusivi e sarà così possibile seguire il festival non solo live in presenza ma in streaming in tutto il mondo.

Quindi per avere maggiori informazioni sul programma, accrediti e eventi del festival cosa bisogna fare?

Basta andare sui profili social ufficiali del festival oppure sul sito www.cataniafilmfest.it per trovare le news e le informazioni necessarie.

Lascia un commento

Instagram
Pinterest
fb-share-icon
LinkedIn
Share
WhatsApp